1° giugno, giornata internazionale del bambino

Il 1 Giugno si celebra la Giornata Internazionale del Bambino.
Era stata istituita nel 1925 durante la Conferenza Mondiale sul Benessere dei Bambini di Ginevra (Svizzera), per puntare la luce dei riflettori sulle tante violenze che l'infanzia subisce, e che si proponeva di sollecitare il mondo adulto ad un preciso impegno nel tutelare i bambini da ogni soppruso e di dare loro la possibilità di preparare con serenità il loro domani.

Direi che ancora oggi c'è bisogno di richiamare l'attenzione sui bambini, troppi subiscono violenze di ogni genere, e non solo fisiche, troppi hanno conosciuto solo la guerra, troppi subiscono violenze psicologiche e l'elenco sarebbe davvero lungo.

Tapani (Mononen fondatore di CHA) ed io abbiamo stillato un manifesto su quelli che per noi sono i diritti dei bambini/e felici che vogliamo condividere con voi:

MANIFESTO DEL BAMBINO FELICE

1. Il bambino dev’essere abbracciato, coccolato, svegliato con un bacio e si deve addormentare con il suono di una dolce voce che gli racconta una fiaba.
2. Il bambino ha diritto di restare in contatto con la natura, di passeggiare nei boschi, di conoscere gli animali, di rotolare nel fango e di potersi sporcare.
3. Il bambino ha diritto che siano rispettati i suoi sentimenti e le sue emozioni.
4. Il bambino deve essere accettato esattamente per com’è.
5. Il bambino non dev’essere giudicato in base ai suoi voti e al suo rendimento scolastico.
6. Il bambino ha il diritto di annoiarsi, di non essere schiacciato da mille impegni, mille corsi.
7. Il bambino ha il diritto di fare delle piccole esperienze senza il controllo e il giudizio costante di un adulto
8. Il bambino ha il diritto che gli vengano insegnate “regole” capaci di garantirgli dei confini di protezione, tra ciò che può e non può fare
9. Il bambino ha diritto di vivere la sua giovane età da “bambino”
10. Il bambino ha diritto alla nostra fiducia, non la tradirà!!!


GIÙ LE MANI DAI BAMBINI!
Guerre, violenze, soprusi, razzismo... Non sentiamo che parlare
di dolore, alla tv o nei giornali. Adulti che generano violenza
nei confronti di altri adulti.
Ma abbiamo ancora una speranza: i BAMBINI!
Ricordiamolo sempre: loro sono la parte più pura, se vogliamo evolvere come umanità dobbiamo contare su di loro.
I bambini vanno trattati con cura, con rispetto, con amore.
Sono pieni di sogni, di progetti e hanno la vitalità e la forza per poterli coronare. Loro sono divini!
Non abbattiamoli con il nostro pessimismo, con le nostre
tipiche frasi: “Ormai non si può più far niente”.
Non è vero!
Uno dei lavori più belli e gratificanti, e allo stesso tempo più duri ed impegnativi, è quello con i bambini.
Quando lavori con i bambini sei sempre davanti ad un mistero, a quell’essere genuino che ha in sé già il seme di ciò che diventerà e chiede di fare la sua parte nella vita. Un mistero che non deve essere risolto ma vissuto assieme, con sostegno e amore.
Diamo fiducia ai bambini, offriamogli la nostra pazienza nell’aspettare i loro tempi, consideriamoli e trattiamoli come “fiori unici”, ricordando sempre che gli adulti siamo noi.
LORO SONO I BAMBINI

Paola Bezzo
Tapani Mononen
Valentina Zanella