Rebirthing Transpersonale

Quando parliamo di Rebirthing ad approccio Transpersonale parliamo sostanzialmente di respiro e respirazione.

Il respiro ci accompagna dall’inizio alla fine della nostra vita ed influenza la qualità della nostra esistenza. Ogni qualvolta abbiamo paura, siamo in una situazione difficoltosa, stiamo subendo una qualche ingiustizia, un qualche trauma il nostro respiro ne risente.

Già da bambini impariamo a contrarre la respirazione per non “sentire” le emozioni spiacevoli.

E’ così che iniziamo a perdere contatto con il nostro respiro e a non badare più ai segnali che ci invia un corpo in carenza di ossigeno.

Ma se una respirazione superficiale ci priva di energia e ci allontana dal nostro “sentire” e dalla percezione delle nostre emozioni allora il respiro può esserne anche la soluzione.

Durante le sedute di Rebirthing Transpersonale ci affidiamo all’intelligenza innata del respiro. Lasciamo che emergano quelle sensazioni, quei dispiaceri e traumi che avevamo relegato nel corpo (sperando così di non dovercene più occupare) ma che ci fanno ancora male. Attraverso il respiro abbiamo la possibilità di fare un lavoro catartico sui nostri traumi, come se finalmente riuscissimo a scollarceli di dosso.

Ci prendiamo cura di noi insomma, bypassiamo la mente e andiamo dritti al cuore del problema.

 

 

 

COME CI DIFFERENZIAMO

DIFFERENZE SOSTANZIALI CON ALTRI METODI

C'è una sostanziale differenza tra il Rebirthing ad Approccio Transpersonale e altre scuole di Rebirthing.
Il Rebirthing Transpersonale facilita l’emergere spontaneo dell’esperienza evitando con cura di condizionare il soggetto. Non propone esercizi mentali e “pensieri positivi” ma piuttosto dirige oltre il pensiero, all’intelligenza intuitiva, alla dimensione transpersonale dell'essere e alla chiara percezione di sé e del mondo.
Non propone fantasie che accrescono l’ego, ma piuttosto dirige al risveglio dalle illusioni, all’autenticità dell’essere, alla spontaneità e alla vera umanità.

Il Rebirthing Transpersonale ha un approccio laico e moderno, coerente sia con i nuovi paradigmi scientifici che con le vette della filosofia orientale.
E’ una via rapida per liberarsi dall’ansia, dalla depressione e dal mal di vivere la cui efficacia nasce da una diversa sintonia con la realtà che non passa per l’analisi, ma piuttosto ristabilisce un contatto diretto con l’intelligenza che guida anche gli atomi e le molecole di cui è composto il corpo.
L’autoindagine (o conoscenza di Sé) è il sentiero indicato dai grandi maestri in ogni tempo e cultura.
Quando il soggetto durante la respirazione si pone nella posizione di ascolto e guarda nella giusta direzione senza rimanere prigioniero delle gabbie delle parole, si apre per lui una nuova vita.

"Conosci te stesso e conoscerai l'universo e gli Dèi".
Oracolo di Delphi

Dott. Filippo Falzoni Gallerani